drenanti

Bisogno di drenare i liquidi in eccesso? l’aiuto ti viene dalla natura!

La ritenzione idrica è solitamente il risultato di uno stile di vita poco sano: sedentarietà, troppo sodio, poca idratazione e dieta squilibrata. Vi sono, poi, ulteriori fattori che possono causare ritenzione dei liquidi nei tessuti, ovvero gli sbalzi ormonali (ciclo mestruale, gravidanza, menopausa) ma anche postura e abbigliamento scorretti (tacchi troppo alti o ballerine, gambaletti o jeggings super stretch).

La fitoterapia, per fortuna è un grande aiuto per debellare la ritenzione idrica e prevenire la cellulite. 

È possibile inserire nella diete dei principi drenanti attraverso integratori oppure attraverso degli infusi.

Un’avvertenza: queste tisane ed integratori  non vanno  assunte in gravidanza o durante l’allattamento senza consiglio medico.

Ma vediamo insieme quali sono i più efficaci…

La betulla

La betulla è una pianta la cui azione drenante è nota da tempo immemore. Contro la ritenzione idrica, si può tentare un’azione d’urto abbinando tisane a base di betulla a linfa di betulla da bere.

Le proprietà fitoterapiche della betulla sono numerose: è diuretica, coleretica (depurativa), deodorante e antinfiammatoria.

La sua efficacia è data dai principi attivi contenuti nella pianta, quali i flavonoidi (antiossidanti) i tannini (le stesse sostanze che troviamo in tè e cacao), la vitamina C e l’acido caffeico.

Tarassaco

Dimagrire la pancia, si sa, non è così facile, visto che si tratta di una delle zone più critiche per la maggior parte delle donne: qui, infatti, tendono ad accumularsi i chili di troppo nonché anche liquidi in eccesso, e per cercare di tornare in forma spesso si ricorre ai rimedi più disparati.

Quelli più efficaci e che permettono un’efficacia nel tempo, tuttavia, sono quelli che ci vengono forniti dalla natura, i rimedi naturali: in questo caso, in particolare, si può fare affidamento su determinate piante medicinali che possono essere utili per andare a sgonfiare e drenare la pancia, come il tarassaco.

Questa è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Asteracee e dai molteplici effetti: chiamato anche dente di leone, non solo è noto per le sue proprietà diuretiche e depurative, ma anche antinfiammatorie e disintossicanti, grazie ad alcuni ingredienti particolari come tarasserolo, steroli, vitamine (A, B, C, D) e ancora inulina, sali minerali e tarassacina (dei principi amari).

Il tarassaco, in particolare, va ad agire nel tratto gastro-intestinale, depurando il fegato – insieme anche a reni e intestino – andando così ad accelerare il processo di depurazione dell’organismo e venendo in aiuto nei casi in cui si soffra di problemi con la digestione. Grazie al suo effetto depurativo, il tarassaco è utile anche per andare a stimolare la secrezione biliare, diventando spesso indispensabile per chi soffre di stitichezza, ma anche di insufficienza epatica e calcoli biliari.

Cardo mariano

Il cardo mariano è noto per avere una valida azione protettiva sul fegato, legata alla silimarina. La sua assunzione è indicata per la disintossicazione dovuta a epatite, cirrosi, alcolismo, droghe, e tossine ambientali, che entrano nel corpo tramite il cibo, l’acqua, l’aria e la pelle. É il rimedio salvavita contro l’avvelenamento da funghi velenosi, come l’Amanita phalloides. Rigenera i tessuti del fegato, stimolando la produzione di nuove cellule, ringiovanendolo e proteggendolo dai danni futuri.

Per la sua proprietà tonica e decongestionante, migliora la funzionalità epatica, ed è coadiuvante contro problemi, legati alla fatica, la depressione e ad allergie alimentari. Ha inoltre proprietà galattogene: stimola cioè la produzione di latte materno nelle puerpere, perché contiene una gran quantità di complessi di bioflavonoidi (fitoestrogeni) chiamati flavonolignani. Questi fitoestrogeni regolano la produzione ormonale femminile, il cui equilibrio è fondamentale per il benessere generale della donna.

The verde

Amato sempre da più persone, che spesso lo preferiscono anche al classico caffè, il tè verde è scelto non soltanto per il suo particolare sapore, ma soprattutto per i suoi numerosi benefici sull’organismo e sul metabolismo, promuovendo il dimagrimento se associato ad una vita attiva e ad un’alimentazione varia e sana.

Ricco di vitamine (in primis A e C), minerali (tra cui spiccano il potassio, il ferro, lo zinco e il selenio) ma soprattutto di polifenoli dall’importante funzione antiossidante, per contrastare l’invecchiamento cellulare, tra cui eccelle l’Epigallocatechina gallato (EGCG), il tè verde agisce apportando differenti aspetti benefici al corpo: Fluidifica il sangue, riducendo i rischi di patologie aterosclerotiche; Abbassa i livelli di colesterolo LDL e di zuccheri nel sangue; Rinforza il sistema immunitario; Contribuisce a mantenere il cervello in salute; Allontana il rischio di carie dentali; Come abbiamo accennato, è un ottimo antiossidante naturale; Coadiuva l’azione dimagrante e drenante.

 Se abbiamo quindi deciso di cominciare una dieta sana e ipocalorica e una regolare attività fisica, inserire il tè verde ogni giorno rappresenta un valido aiuto per perdere peso. La bevanda è, infatti, ricca di catechine, sostanze antiossidanti appartenenti alla famiglia dei flavonoidi, in grado di donare un senso di sazietà prolungato che diminuisce i rischi di mangiare più del dovuto e di ricorrere a snack spezza-fame davvero poco salutari. Esse, inoltre, accelerano il metabolismo basale e stimolano il processo di termogenesi, processo che riduce la conversione dei grassi assunti con la dieta in calorie, indirizzando i nutrienti (specialmente carboidrati e grassi) a produrre energia sottoforma di calore, piuttosto che a sintetizzare tessuto adiposo di riserva: agire sulla termogenesi permette, quindi, di tenere maggiormente sottocontrollo il peso corporeo e di impedire l’accumulo di grasso, specialmente nel girovita e nella zona addominale. Il tè verde aiuta a dimagrire anche perché contiene anche le metilxantine (caffeina, teobromina, teofillina), molecole che riducono l’assorbimento degli zuccheri, stimolano la lipolisi, ossia l’eliminazione dei grassi dagli adipociti (resa possibile anche grazie all’effetto positivo compiuto sul cortisolo, importante ormone lipogenetico) e che, grazie all’azione vasodilatatoria, determinano una maggiore attività renale e una diuresi più efficace. Produrre ed eliminare più urina facilita la depurazione e la detossinazione dell’organismo, poiché si allontanano le scorie e le sostanze di scarto che vi si accumulano all’interno e si eliminano i liquidi in eccesso che, quando ristagnano, danno origine alla fastidiosa e antiestetica cellulite. 

Vuoi scoprirne di più? passa in negozio oppure seguici sui social…organizziamo tanti incontri gratuiti con gli esperti per affrontare l’argomento dei rimedi naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto